L'Osservatorio sulle novità legali
in materia di crisi d'impresa
Homepage2020-05-26T09:57:05+02:00

Articoli

Il Consiglio dei Ministri in data 18 ottobre 2020 ha approvato il decreto legislativo integrativo e correttivo del codice della crisi

22 Ott 2020|

Si riporta il Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 67 del 18 Ottobre 2020 con riferimento alle disposizioni integrative e correttive a norma dell’articolo 1, comma 1, della legge 8 marzo 2019, n. 20, al decreto legislativo 12 gennaio 2019, n. 14, recante “Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza in attuazione della legge 19 ottobre 2017, n. 155” (decreto legislativo – esame definitivo).

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della giustizia Alfonso Bonafede, […]

Insinuazione al passivo – prededuzione – canoni e indennizzo per occupazione immobile

29 Set 2020|

Una società trasmetteva domanda di ammissione allo stato passivo per ottenere in prededuzione il pagamento del credito corrispondente ai canoni e all’indennizzo dovuti dalla società fallita per l’occupazione di un immobile di proprietà della società istante, maturato dopo la dichiarazione di fallimento e l’effettiva riconsegna dello stesso.

La domanda di insinuazione era stata respinta dal giudice delegato e il relativo credito escluso, successivamente il Tribunale aveva rigettato l’opposizione allo stato passivo confermando la considerazione secondo la […]

Trattamento creditori – privilegiati – tempistica

22 Set 2020|

Con la sentenza del 24.03.2020 il Tribunale di Modena ha sostenuto l’inammissibilità della proposta di concordato preventivo in continuità presentato dalla società ricorrente con riferimento al trattamento riservato ai creditori privilegiati da un punto di vista temporale.

Nello specifico il piano prevedeva 66 mesi ulteriori rispetto ai tempi della procedura di omologazione per la soddisfazione anche dei creditori privilegiati.

Come noto, l’art. 186-bis, 2° comma, lett. c l.fall. stabilisce che il piano può prevedere una moratoria fino ad […]

La detrazione IVA per il committente in concordato preventivo omologato è condizionata all’ammontare del credito che il prestatore, nei limiti della proposta, potrà recuperare

16 Set 2020|

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 18837 dell’11 settembre 2020, si è espressa in merito alla possibilità di detrazione dell’IVA in capo ad un soggetto committente in concordato preventivo, già omologato, relativa a fatture di acquisto di professionisti il cui credito di rivalsa era stato soddisfatto in ambito concordatario in misura falcidiata.

Nel caso di specie, infatti, l’Agenzia delle Entrate aveva riconosciuto solo parzialmente alla società ricorrente il credito IVA, ossia in proporzione a […]

Le note di variazione Iva nell’ambito delle procedure concorsuali

14 Set 2020|

Premessa

Il presente contributo intende affrontare il dibattuto tema delle note di variazione per il recupero dell’Iva relativa a crediti rimasti impagati a seguito dell’assoggettamento ad una procedura concorsuale del debitore.

In tale ambito, verrà commentata altresì la recente sentenza della Corte di Giustizia, che si è espressa in merito alla possibilità, da parte del creditore, di emettere una nota di variazione Iva in caso di mancata insinuazione al passivo del fallimento del debitore.

 

Cosa prevede il Testo […]

Da revocare il decreto di omologa conseguente un ricorso ex art. 161, 6° co., l.fall., giudicato inammissibile

31 Ago 2020|

La Corte d’Appello di Torino, con la sentenza del 9 luglio 2020, si è espressa in merito alla revocabilità del decreto di omologa di un concordato preventivo conseguente all’ammissione alla procedura in violazione del disposto dell’art. 161, nono comma, l.fall.

Tale comma dispone infatti che il ricorso ex art. 161, sesto comma, l.fall. per l’ammissione alla procedura di concordato preventivo sia “inammissibile quando il debitore, nei due anni precedenti, ha presentato altra domanda ai sensi del […]

Il credito IVA maturato post concordato non può essere compensato dall’Agenzia delle Entrate con debiti tributari ante concordato

31 Lug 2020|

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 13467 del 2 luglio 2020, si è espressa in merito alla possibilità, da parte dell’Agenzia delle Entrate, di opporre in compensazione i propri crediti alla richiesta di rimborso del credito IVA maturato in capo ad una società in concordato preventivo durante lo svolgimento della procedura concorsuale.

Si rammenta, innanzitutto, che il primo comma dell’art. 56 l.fall. prevede che “I creditori hanno diritto di compensare coi loro debiti verso […]

Carica altri articoli
Torna in cima